Il contesto culturale. La narcisata

“Oggi alcune di quelle precondizioni si sono dissolte, sono deperite: l’aspirazione all’egemonia delle élite intellettuali (l’intellettuale tradizionale non c’è più, sostituito dall’intellettualità di massa, informe e indistinta); l’opinione pubblica, interamente plasmata dai media; la società letteraria, schiacciata dall’industria culturale e dagli apparati editoriali; infine, al bisogno di comunicare e di scambiarsi le idee si è sostituito, all’interno dello stesso ceto intellettuale, un narcisismo di massa autoreferenziale che vuole soprattutto esserci, mettersi in mostra, diventare visibile a tutti i costi ecc.

(Filippo La Porta, Manuale di scrittura creatina. Per un antidoping della letteratura, Minimum Fax, 1999, p. 53)

Annunci

6 comments

  1. che l’intellettuale sia scomparso è una sua supposizione. è solo che non viene preso in considerazione dal narcisista ignorante che pensa di sapere senza studiare. certo di Romain Gary non ce n’è più.

    1. E qui dovremmo aprire un capitolo enorme su cosa debba essere o, meglio, rappresentare un “intellettuale”. Che il peso degli intellettuali sia oggi nullo è solo colpa della società, oppure c’è altro? Io trovo le parole di La Porta diffici da smentire, purtroppo.

      1. non ho letto il libro, comunque per me “intellettuale” è uno che riesce a pensare con la propria testa e mettere in rapporto i fatti del presente con il passato, eventualmente a pensare un futuro e proporlo. credo che gli intellettuali ci siano, ma non vadano bene alla classe dirigente e quindi sono per lo più relegati, magari usati per qualche mese e poi messi via di nuovo. l’eccesso di comunicazione non è sempre un bene. critica letteraria ce n’è? non mi pare. eppure c’è chi il potere l’avrebbe pure per promuovere qualcosa di diverso. e mi fermo qui 😉

      2. Concordo, aggiungo che l’intellettuale dovrebbe aggredire il presente assumendosene i rischi. Sulla critica letteraria, invece, dovremmo aprire un altro per me triste capitolo.

      3. 😀 sull’aggredire non sono proprio in linea, ma soltanto perché trovo in generale abbastanza aggressiva la nostra società, ormai si combatte tutto, mentre io, da fervente taoista lavoro sull’accoglienza. 😉 buona domenica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...