Sessi. Rainer Maria Rilke

“La bellezza della vergine, un essere che, come lei dice così bene, «ancora non ha prodotto nulla», è maternità, presagita e preparata, temuta e bramata. E la bellezza della madre è maternità di ancella, e nella vecchia è un grande ricordo. E anche nell’uomo v’è maternità, mi sembra, del corpo e dello spirito; anche il suo generare è quasi un parto, e parto è quando egli crea da un’intima pienezza. E forse i sessi sono più affini di quanto non si creda, e il grande rinnovamento del mondo forse consisterà nel fatto che l’uomo e la fanciulla, liberi da tutti i falsi sentimenti e disamori, non si cercheranno come opposti ma come fratelli e vicini, e si uniranno come esseri umani, per sopportare insieme, con semplicità, serietà e pazienza, il gravoso sesso a loro imposto.

[Rainer Maria Rilke, Lettere a un giovane poeta (1944), a cura di Marina Bistolfi, Milano, Mondadori, 1994, pp. 60-1]

 

Annunci

2 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...