Donne che uccidono bambini. Hamsun in Benjamin

Knut Hamsun, come si è venuto a sapere molto tempo fa, ha l’abitudine di mandare ogni tanto i suoi giudizi alla cassetta postale del quotidiano della cittadina presso la quale egli vive. Anni fa ebbe luogo in questa città un processo giurato contro una ragazza che aveva ucciso il figlio appena nato. Essa fu condannata a una pena detentiva. Poco dopo apparve nel quotidiano locale una presa di posizione di Hamsun. Egli dichiara che volgerà le spalle a una città che ad una madre che uccide il figlio neonato non sa applicare la pena più grave: se non la forca, almeno l’ergastolo a vita. Passarono alcuni anni, ed apparve Benedizione della terra, e in essa la storia di una ragazza di servizio che commette lo stesso crimine, subisce la stessa pena, e, come il lettore può facilmente riconoscere, non ne ha certo meritata una più grave.”

[Walter Benjamin, Franz Kafka. Per il decimo anniversario della sua morte (1934), in Angelus Novus. Saggi e frammenti, a cura di Renato Solmi, p. 291]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...