Scrittura: e quando i personaggi sono vivi?

Su Zest – Letteratura sostenibile ho scritto (13 ottobre 2016) di cosa significa ispirarsi, nel processo di scrittura, a persone reali, e dell’eventuale problema etico che ciò comporta.

Scrittura: e quando i personaggi sono vivi?

Annunci

4 comments

  1. La stessa questione si pone in fotografia: non penso che Bresson chiedesse il permesso prima di scattare, come non lo fanno i reporter o chiunque prenda in mano un arnese in grado di registrare fotografie.
    Il disagio è comprensibile, ma credo si debba fare spallucce e rassegnarsi: come si finisce nelle chiacchiere altrui, allora si può finire anche tra le pagine di un romanzo o negli scatti di Bresson.

      1. E poi però apriamo la questione: chi stabilisce chi è un grande artista? Chi stabilisce cos’è opera d’arte? Etc. È un campo minato, pure se emotivamente sono del tuo stesso parere, non so poi giustificare senza contraddizioni la linea che separerebbe l’arte dalla non arte

      2. Qui io mi affido al mio gusto, che ho coltivato per anni e di cui voglio fidarmi molto. Tra l’altro all’esterno sono venute meno le autorità in grado di stabilire chi e cosa. Ovviamente mi fido di me in campo narrativo. Sicché decido di attraversare a piedi nudi il campo minato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...