donna

Donne che uccidono bambini. Hamsun in Benjamin

Knut Hamsun, come si è venuto a sapere molto tempo fa, ha l’abitudine di mandare ogni tanto i suoi giudizi alla cassetta postale del quotidiano della cittadina presso la quale egli vive. Anni fa ebbe luogo in questa città un processo giurato contro una ragazza che aveva ucciso il figlio appena nato. Essa fu condannata a una pena detentiva. Poco dopo apparve nel quotidiano locale una presa di posizione di Hamsun. (altro…)

Annunci

Sessi. Rainer Maria Rilke

“La bellezza della vergine, un essere che, come lei dice così bene, «ancora non ha prodotto nulla», è maternità, presagita e preparata, temuta e bramata. E la bellezza della madre è maternità di ancella, e nella vecchia è un grande ricordo. E anche nell’uomo v’è maternità, mi sembra, del corpo e dello spirito; anche il suo generare è quasi un parto, e parto è quando egli crea da un’intima pienezza. (altro…)

La letteratura rosa

“Il romanzo moderno nasce insieme al suo pubblico: un pubblico borghese, che ha cominciato a ridefinire la sfera dell’intimità, fisica e morale, costruendo, attraverso la privacy domestica e il senso del pudore, uno spazio che va difeso dallo sguardo indiscreto del mondo esterno. La violazione di questo segreto interno domestico, il racconto delle vicende private costituisce la materia privilegiata del romanzo settecentesco, che si diffonde in modo prodigioso proprio presso il pubblico femminile. Ma se la lettrice è spesso donna, lo scrittore è quasi sempre uomo. Il rapporto tra donne e romanzo è, inizialmente, a senso unico.
«Il romanzo — scrive Umberto Eco — nasce come merce per donne e domestiche, non dimentichiamolo. Il romanzo non lo ha mai dimenticato.»* (altro…)

L’amore secondo Clarice

“Sembrava sapessero che quando l’amore era troppo grande e quando l’uno non poteva vivere senza l’altro, questo amore non era più attuabile: e neanche la persona amata poteva ricevere tanto. Lori era perplessa, notando che anche nell’amore bisognava avere buonsenso e senso della misura. Per un istante, come se si fossero messi d’accordo, lui le baciò la mano, umanizzandosi. C’era il pericolo, per così dire, di morire d’amore.”

(altro…)