racconto

Edgar Allan Poe, La maschera della Morte Rossa

Incipit.

Per lungo tempo la Morte Rossa aveva spopolato la contrada. Mai s’era vista una pestilenza tanto orribile, tanto fatale! Il male si attaccava al sangue; e si manifestava in tutto il rosso orrore del sangue. Dapprima erano dolori acuti, improvvise vertigini; seguiva poi un copioso trasudare senza fine che portava al dissolvimento dell’essere.
(altro…)

Annunci

1974. Silvia Ballestra

“Voi nella cruda età dei cinque anni, si era nel 1974, un’epoca di cui nessuno vuole ricordarsi, frequentavate la primina presso l’asilo Montessori di via Burzianella, a San Benedetto Bay, ed eravate convinte di essere immortali.
(altro…)

Lo Zahir. Jorge Luis Borges

“A Buenos Aires lo Zahir è una moneta comune, da venti centesimi; graffi di coltello o di temperino tagliano le lettere NT e il numero due; 1929 è la data incisa sul rovescio. (A Guzerat, alla fine del secolo XVIII, fu Zahir una tigre; in Giava, un cieco della moschea di Surakarta, che fu lapidato dai fedeli; in Persia, un astrolabio che Nadir Shah fece gettare in mare; nelle prigioni del Mahdí, intorno al 1892, una piccola bussola avvolta in un brandello di turbante, che Rudolf Carl von Slatin toccò; nella moschea di Cordova, secondo Zotenberg, una vena nel marmo di uno dei milleduecento pilastri; nel ghetto di Tetuàn, il fondo di un pozzo.) (altro…)